Cose bellissime / FEATURED / 16 dicembre 2015

Simon Fellah

Alla ricerca di un’identità, di un ruolo, di un volto, di uno sguardo.

Le figure di Simon Fellah, nere, intrappolate in segni scomposti, presenti nella loro assenza.

Ti guardano senza avere gli occhi.

Dalla carta, alla tela, dall’olio alla matita, la potenza rimane sempre e comunque la stessa.

blackhead01-e1424950466915

IMG_4983-e1424908103217

tumblr_nyowk7Dr9U1r3wk1zo2_540

 

 

tumblr_nyowk7Dr9U1r3wk1zo4_540

 

 

tumblr_nyowk7Dr9U1r3wk1zo5_540

 

 

tumblr_nyowk7Dr9U1r3wk1zo6_540

 

 

tumblr_nyowk7Dr9U1r3wk1zo3_540

 

 

tumblr_nyowk7Dr9U1r3wk1zo9_540

 

 

tumblr_nyowk7Dr9U1r3wk1zo1_540

 

 

1b997ce90cd3c6638cf67f1b4f8f3a19

 

 


IMG_6333-e1424853392709

 

simonfellahart.com


Tags:  illustrazione pittura Simon Fellah




Previous Post
Hey Harry, Hey Matilda
Next Post
Christopher Chiappa



Irene
Cercare una frase che mi renda interessante mi annoia. Spero di non annoiarvi leggendomi.




You might also like






More Story
Hey Harry, Hey Matilda
I social network sono l'habitat perfetto per lo storytelling.  Rachel Hulin è un' autrice che ha trovato un modo nuovo...