Cose bellissime / FEATURED / 31 luglio 2015

Non sono due semplici leoni

Sono profondamente convinta che del cervello, per quanto se ne dica, sappiamo ben poco. Paul Smith è l’esempio lampante di quanto vi sto dicendo. Nato nel 1920 con una paresi cerebrale spastica, sarebbe dovuto sopravvivere pochi anni e mai in autosufficienza. All’età di 16 anni però imparò a parlare e a 32 anni finalmente a camminare. Un miracolo. Ma non basta questo per sorprenderci. A 11 anni iniziò a disegnare utilizzando “semplicemente” solo 10 simboli di una vecchia macchina per scrivere: @ # $% ^ & * () _.  Paul è stato in grado di creare centinaia di immagini, affinando costantemente la sua tecnica, sviluppando tecniche per creare i tratteggi, i colori e le texture, così da rendere i suoi lavori simili a disegni fatti a matita o carboncino.

lion-resting

Paul-Smith-Madre-Teresa-e1410194049574

paul-smith

Paul-Smith-Wolf

Paul-Smith-Owl

Paul-Smith-Squirrel

paul-smith-typewriter-art


Tags:  eroe macchina da scrivere Paul smith




Previous Post
L'assertività è la chiave di tutto
Next Post
Ho sete



Irene
Cercare una frase che mi renda interessante mi annoia. Spero di non annoiarvi leggendomi.






More Story
L'assertività è la chiave di tutto
Vi siete mai tormentati per non aver risposto a tutti i messaggi ricevuti nell'arco della giornata? Beh, anche io. So come...