FEATURED / Le parole giuste / 1 agosto 2015

L’assertività è la chiave di tutto

74871d8c525198d2d6ad1c980984e9fa

Vi siete mai tormentati per non aver risposto a tutti i messaggi ricevuti nell’arco della giornata?

Beh, anche io. So come funziona. Da un lato sei stanco e sopraffatto dagli eventi quotidiani. Ma dall’altro lato ci sono tutte quelle mail, i messaggi, le telefonate. Tutti lì che aspettano una risposta!

In realtà, dentro di noi sappiamo capire quali messaggi richiedono davvero la nostra attenzione. Tuttavia, non riusciamo a seguire questa semplice regola interiore perché è in contrasto con quello che ci hanno sempre insegnato:

Se qualcuno scrive, bisogna rispondere.

Se qualcuno inizia a parlarci, è bene fare conversazione.

Se qualcuno si avvicina per abbracciarci, dobbiamo ricambiare.

Non importa se ci sentiamo a disagio, se siamo esausti o semplicemente non abbiamo la minima intenzione di ricambiare questi gesti. Se non lo facciamo, sembreremo scortesi e maleducati. Giusto?

***

Nell’episodio pilota della serie “Unbreakable Kimmy Schmidt” alcuni giornalisti intervistano delle donne che hanno passato 15 anni sottoterra, rinchiuse in un bunker.

Una di loro racconta del suo coinvolgimento nella vicenda: ” Lo avevo aspettato alla York Steak House… quella notte mi invitò a seguirlo fuori, verso la sua auto, per andare a vedere dei coniglietti… io non volevo essere sgarbata… ed eccomi qui!”

È solo un esempio estremo di come la paura di essere maleducati e scortesi possa metterci in pericolo. Ovviamente, il personaggio è esagerato fino alla parodia, ma ritrovo un po’ di me in quella donna.

Quanto tempo ho perso cercando di mostrarmi “in un certo modo”? Quali pericoli ho sfiorato con la mia incapacità di dire subito di no? Quante cose ho sacrificato sull’altare dell’eccessiva gentilezza?

***

Non molto tempo fa mi sono trovata in difficoltà: non sapevo se rispondere o meno ad alcune mail non proprio serene. L’idea di stabilire dei contatti con il mittente mi faceva sentire a disagio, ma la scelta di non rispondere avrebbe innescato sensi di colpa e insicurezza.

E se avessi ferito i suoi sentimenti? Forse non ero abbastanza comprensiva? Dovevo essere educata o seguire il mio istinto?

Alla fine ho chiesto il parere di mio marito, Jonathan. Lui ha risposto con convinzione: “Non sei obbligata ad interagire con tutti”.

***

Dopo queste parole, mi sono sentita libera di cancellare quelle e-mail. A volte, evitare ogni contatto è la scelta migliore.

Sì, conosco le buone maniere, mando biglietti di ringraziamento e resto in contatto con gli amici. Ma so anche stabilire dei limiti e mi fido del mio intuito. C’è un equilibrio.

Se non siete abituati a tracciare dei confini, è più difficile proteggere il vostro tempo. Vi sentirete delle cattive persone ogni volta che vi tirate indietro oppure dite di no a qualcuno. Quando provate questo senso di colpa fasullo, ricordate che c’è una differenza tra ferire e recare danno.

Quando dite “Non devo rispondere a tutti”, non state nuocendo a nessuno. State semplicemente ricordando a voi stessi la verità. Compiacere le persone ed essere sempre diplomatici non è compito vostro. Piuttosto, avete il diritto di vivere con amore e integrità.

Qualcuno si offenderà se declinate un invito oppure cancellate i suoi messaggi? Forse sì. È dura da accettare, ma l’alternativa è peggio. Cercare di gestire le emozioni altrui, dimenticandovi delle vostre, è estenuante, può danneggiare la vostra salute e anche i vostri rapporti. Siamo stati portati a credere che essere educati significhi essere disponibili 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Ma se non salvaguardiamo il nostro tempo, viene meno anche la nostra capacità di essere gentili.

La prossima volta che vi sentite sotto pressione perché qualcuno attende una vostra risposta, provate a fare una pausa e ricordate a voi stessi che non siete obbligati a interagire con tutti. Siate felici di questa scelta. Avete il potere di decidere come impiegare tempo ed energie.

E qui viene il bello: quando non vi sentite più obbligati e sotto pressione… siete liberi di donarvi con tutto il cuore.

***

Questo pezzo è apparso su A Wish Come Clear, un blog che vuole aiutare le persone a scegliere l’amore e abbandonare le paure.

Questo post è apparso per la prima volta su The Huffington Post US ed è stato poi tradotto dall’inglese da Milena Sanfilippo.


Tags:  Assertività huffingtonpost InternetTips l'articolo giusto




Previous Post
Casu Frazigu e la mosca del formaggio
Next Post
Non sono due semplici leoni



Irene
Cercare una frase che mi renda interessante mi annoia. Spero di non annoiarvi leggendomi.




You might also like






More Story
Casu Frazigu e la mosca del formaggio
Rimaniamo inorriditi di fronte agli australiani che si succhiano convinti delle carnose larve, storciamo il naso schifati...