FEATURED / Le parole giuste / 10 ottobre 2016

La poesia del lunedì: Margaret Atwood

Schermata 2016-10-10 alle 01.51.47

Margaret Atwood è un’autrice canadese, classe 1939. Sceneggiatrice, poetessa, romanziera. Margaret Atwood ha scritto di tutto e l’ha sempre fatto con grande passione, dedizione e amore. Si è cimentata addirittura con il fumetto. Conosce la paura, l’amore, l’angoscia, la gioia. Sa ridere. È genuinamente comunicativa. La sua poesia è attraversate da influenze di ogni tipo e la raccolta più completa, esaustiva e rappresentativa della sua weltanschauung è sicuramente Morning in the burned house, Mattino nella casa bruciata, uno dei titoli per me più convincenti di sempre.

Ho scelto una sua poesia sublime e crudele, così per farvi un dispetto in questo lunedì freddo già come l’inverno.


Questa è una mia fotografia

È stata scattata qualche tempo fa.
A prima vista sembra
una copia
sciupata: contorni sfocati e chiazze grige
fuse nella carta:

poi se la esamini,
vedi nell’angolo a sinistra
qualcosa come un ramo: parte di un albero
(balsamina o abete) che affiora
e a destra, a metà di
quello che appare un dolce
declivio, una piccola casa di legno.

Sullo sfondo vi è un lago,
e oltre questo, basse colline.

(la foto è stata scattata
il giorno dopo che annegai.

Io sono nel lago, al centro
dell’immagine, appena sotto la superficie.

E’ difficile dire dove
con precisione, o dire
quanto grande o piccola io sia:
l’effetto dell’acqua
sulla luce inganna

ma se guardi abbastanza a lungo,
alla fine riuscirai a vedermi).

(traduzione di Francesca Valente)


This Is a Photograph of Me

It was taken some time ago.
At first it seems to be
a smeared
print: blurred lines and grey flecks
blended with the paper;

then, as you scan
it, you see in the left-hand corner
a thing that is like a branch: part of a tree
(balsam or spruce) emerging
and, to the right, halfway up
what ought to be a gentle
slope, a small frame house:

In the background there is a lake,
and beyond that, some low hills.

(The photopraph was taken
the day after I drowned.

I am in the lake, in the center
of the picture, just under the surface.

It is difficult to say where
precisely, or to say

how large or small I am:
the effect of water
on light is a distorsion

but if you look long enough,
eventually
you will be able to see me).


Tags:  Irene Pollini Giolai La poesia del Lunedì Margaret Atwood




Previous Post
Il raccontino del Venerdì #2
Next Post
Gatti per dessert



Irene
Cercare una frase che mi renda interessante mi annoia. Spero di non annoiarvi leggendomi.




You might also like






More Story
Il raccontino del Venerdì #2
PIANGERE NON SERVE Il dolore è permaloso, se non l'ascolti rimane lì, sommerso dai pensieri più ingombranti,...