FEATURED / Le parole giuste / 24 ottobre 2016

La poesia del Lunedì: Gwendolyn MacEwen

Gwendolyn MacEwen

” La poesia è ciò che succede quando alzi gli occhi da questa pagina ”

Gwendolyn MacEwen

Un’autrice mistica, una sensibilità particolare. Quella di chi dalla realtà riesce a tirare fuori la magia, coglie la trascendenza e la sa raccontare come Gwendolyn MacEwen. Piccola, magra, con un ovale pallido e due enormi e profondi occhi chiari, sempre bordati di Kajal.

Canadese, nata a Toronto da una madre mentalmente instabile e padre alcolista, Gwendolyn nonostante un’infanzia e un’adolescenza chiaramente complicata, pubblica la sua prima poesia a 17 anni e, a 18, il suo primo racconto Julian the Magician.

Gwendolyn MacEwen dedica tutta la sua breve e scarruffata vita alla scrittura. Muore poco più che quarantenne per problemi di salute correlati al suo alcolismo. Insegna all’università nonostante il suo diploma di scuola tecnico commerciale, scrive drammi per la radio, libri per bambini, saggistica e chiaramente poesia.

Dark Pines Under Water è sicuramente una tra le più famose e una delle mie poesie preferite.


Dark Pines Under Water

This land like a mirror turns you inward
And you become a forest in a furtive lake;
The dark pines of your mind reach downward,
You dream in the green of your time,
Your memory is a row of sinking pines.

Explorer, you tell yourself, this is not what you came for
Although it is good here, and green;
You had meant to move with a kind of largeness,
You had planned a heavy grace, an anguished dream.

But the dark pines of your mind dip deeper
And you are sinking, sinking, sleeper
In an elementary world;
There is something down there and you want it told.

Pini Scuri Sott’acqua

Come uno specchio questa terra si volge dentro di te
E tu diventi una foresta in un lago segreto;
Gli scuri pini della tua mente scendono verso il fondo,
Sogni come nel verde dei tuoi anni,
La tua memoria è una fila di pini che affondano.

Esploratrice, ti dici che non è per questo che sei venuta
Anche se è tutto bello qui, e verde;
Intendevi muoverti con un certo riguardo,
Avevi pianificato una malinconica grazia, un sogno angosciato.

Ma gli scuri pini della tua mente cadono sempre più a picco,
E tu affondi, affondi, addormentandoti
In un mondo elementare;
C’è qualcosa laggiù che vuoi raccontare.



Tags:  Dark Pines Under Water Gwendolyn MacEwen Irene Pollini Giolai La poesia del Lunedì Pini Scuri Sott'acqua




Previous Post
Il raccontino del Venerdì #4
Next Post
Il raccontino del Venerdì #5



Irene
Cercare una frase che mi renda interessante mi annoia. Spero di non annoiarvi leggendomi.




You might also like






More Story
Il raccontino del Venerdì #4
La Corista Da piccola ero grassa. Grassa forse è esagerato, in sovrappeso sicuramente, ma quello che conta da bambini...