FEATURED / Le parole giuste / 27 febbraio 2016

La Petite Morte

Un gruppo di creativi,

una passione smodata per l’arte e la tipografia,

per ora solo 5 numeri ma bellissimi.

“As designers and storytellers, we are dedicated to creating moments of magic and passion each day. But not every moment is lasting – or meant to be – and not all of our creations are destined for the hands of our clients. Some are frankly more aptly experienced for ourselves. This publication is the initial embrace of these moments. La Petite Mort is a French euphemism for orgasm (“the little death”). In creating this project, we’ve found a way to gratify ourselves and bring our artistic aims to euphoric heights. We hope these windows into our souls whet your appetite, but please… keep your pants on”

In ogni numero viene affrontato un tema differente.

L’ultimo proposto N5 è sul concetto di Memoria

307829_1_800

307829_3_800

307829_2_800

307829_9_800
307829_6_800

307829_5_800

307829_4_800

Una cosa bellissima? 

Potete leggere e sfogliare (almeno virtualmente) ogni numero.

E una cosa bruttissima (che c’è sempre quando ce n’è una bellissima)?

Sono talmente curati come prodotto che se non li avete tra le mani perdete il 50 % della loro essenza.

Per averli siete costretti ad ordinare un minimo di 5 copie.

Fate colletta e compratele QUI perché ne vale la pena.

 

 


Tags:  Editoria Bella Irene Pollini Giolai Le petite Morte magazine




Previous Post
Marina Hoermanseder
Next Post
Gelato al pollo o caramella di carne?



Irene
Cercare una frase che mi renda interessante mi annoia. Spero di non annoiarvi leggendomi.




You might also like






More Story
Marina Hoermanseder
Bionda, viennese e con una spiccata passione per il fetish. Forme, colori, texture, nei suoi capi un gioco di contrasti per celebrare...